Categoria: Primo Piano

0

Mali: gli “scavatori” del fiume Niger

C’è un luogo a Bamako che somiglia in modo impressionante a un girone infernale dantesco. Tra i luoghi scabrosi del Mali, rappresenta più di ogni altro la difficoltà di vivere e, contemporaneamente, la tenacia di uomini e donne in un Paese dove tutto è dura fatica. Li ho chiamati “scavatori del Niger”. Li ho conosciuti a Kalaban-Coro, un quartiere di Bamako lungo le rive del Niger dove si radunano pinasse e barconi carichi della sabbia raccolta a mani nude dagli uomini nel letto del fiume. Basta seguire le lunghe di file di camion ai lati della strada per ritrovarsi all’improvviso...

0

Qualche giornata in compagnia dei baka, i nomadi della foresta equatoriale

Nel folto della foresta equatoriale di Nki nel Camerun meridionale vivono ancora sparuti nuclei familiari di etnia baka, un popolo di cacciatori-raccoglitori che abitano le foreste da tempi immemori. Ma oggi, a causa della creazione di parchi nazionali e dell’assegnazione da parte del governo di grandi aree per adibirle a safari di caccia, questo antico popolo si trova sull’orlo dell’estinzione. Costretti ad abbandonare la lora casa, la selva, si ritrovano a vivere sedentari in piccoli villaggi perdendo così la loro identità e le loro tradizioni. Partiti da Kilimba, un piccolo villaggio a 25 km da Moulondou, vicino al confine con...

0

Una mattinata nei “pozzi cantanti” dei Borana

Marsabit, Kenia. Arrivo a Marsabit un giorno di fine marzo del 2008 sulla jeep di una coppia di olandesi conosciuti per caso nel villaggio di El Molo, sul lago Turkana. Avevo già sentito parlare durante un viaggio in Etiopia dei pozzi cantanti dei Borana. Ma a volte le aspettative sono molto inferiori alla realtà. Avvolto da una fitta nebbia lascio di buonora il Jey Jey Center Hotel di Marsabit diretto ai pozzi cantanti. Il giorno prima Duda, una guida locale, mi aveva guidato sul luogo dove i Borana attingono acqua per la famiglia e gli armenti. I Borana appartengono al...

0

Nella terra dei Korowai-Batu

Nei recessi piu’ sperduti dell’immensa foresta equatoriale che si distende ai piedi della catena montuosa centrale,  il popolo dei Korowai-Batu costituisce uno dei tanti gruppi etnici che vive nel sud di West Papua, l’estrema provincia orientale dell’Indonesia  nell’isola della Nuova Guinea. Marciamo nella foresta da piu’ di tre ore immersi in un mondo monocromatico, accompagnati dall’incessante stridio metallico delle cicale e dalle grida di allarme dei kakatua, pappagalli che abitano la volta arborea. Un piccolo ruscello ci sbarra il cammino costringendoci ad una precaria traversata  su tronchi scivolosi. Il terreno e’ tappezzato di radici avventizie che si propagano come una...

0

La Arwa, antica cerimonia degli Azna (Niger)

Gli Azna della regione di Birni ‘N Konni, nel Niger centrale, rappresentano uno dei sottogruppi degli Hausa, un gruppo etnico che ancora oggi vive tra Nigeria, Niger, Ghana e Togo. Gli Azna rifiutarono di convertirsi all’islam conservando le loro credenze animiste. In base alla loro religione, la vita è un fragile equilibrio dove la buona fortuna dipende soprattutto da fattori naturali e dalla benevolenza degli spiriti. Questi spiriti sono in grado di vedere il futuro e persino di modificarne gli eventi. È il babalawo, il padre dei segreti in lingua yoruba, che attraverso la trance e la possessione diventa la...

1

Riti di possessione in Madagascar: il tromba

Il tromba è un fenomeno di possessione diffuso in tutto il Madagascar. In tutte le sue varianti, il posseduto incarna lo spirito di un re. Ancora oggi i fenomeni di possessione diffusi presso la popolazione malgascia sono ritenuti, generalmente, opera di un tromba, ovvero dello spirito di un antico sovrano che si incarna in un vivente per elargire benedizioni, consigli o rimedi per le malattie. I posseduti sono generalmente donne, spesso nubili o sterili. Nella società malgascia, in cui la prole e la fertilità godono della più grande considerazione, la presenza di queste donne al centro di un rito molto...